Gli elementi di arredo fondamentali per il giardino

La stagione primaverile è alle porte e per tutti coloro che dispongono di un giardino è tempo di riordinare le idee e decidere che aspetto dargli o come rimetterlo in sesto dopo il lungo inverno.

La stagione primaverile è alle porte e per tutti coloro che dispongono di un giardino è tempo di riordinare le idee e decidere che aspetto dargli o come rimetterlo in sesto dopo il lungo inverno. Gli arredi da giardino vanno scelti con cura, poiché rappresentano spesso il legame che abbiamo con l'ambiente esterno. In questo senso non è necessario disporre di un parco per creare un ambiente confortevole e piacevole da vivere: alle volte anche una semplice sostituzione di piccoli dettagli (come cuscini per le sedie, candele o tovaglie) possono dare tutto un altro aspetto al giardino.

Sedie e tavolini

La scelta di questo tipo di mobilio può facilmente unire il gusto estetico, la comodità e l'eco-sostenibilità. Al giorno d'oggi i materiali ecologici e a buon mercato abbondano, riuscendo a mantenere un design alla moda. Se si vuole prediligere il fattore economico, solitamente plastica e resina sono i materiali che vanno per la maggiore in virtù della loro resistenza alle intemperie atmosferiche e alla semplicità di pulizia: sebbene spesso non siano realizzati con un design originale garantiscono una praticità assoluta. Altre soluzioni prevedono l'utilizzo di piccole poltroncine munite di cuscini, per massimizzare il comfort:

  • panche da giardino
  • sdraio per il giardino
  • sedie con pallet

Tavolo da giardino

Il tavolo rappresenta un elemento fondante dell'arredo da giardino, considerato come il punto di appoggio e ritrovo principale. La scelta ricade nella maggior parte dei casi sul legno, sulla plastica o sul ferro. Tuttavia, il tavolo da giardino dovrebbe rispecchiare a pieno quelle che sono le esigenze e le modalità d'uso di chi lo compra. Se viene acquistato per organizzare cene e momenti conviviali, si deve optare per una misura di grandi dimensioni e di una certa robustezza. Se dietro il suo acquisto c'è la volontà di sfruttare il giardino per momenti di relax come sorseggiare un tè oppure ospitare un piccolo brunch, sarebbe meglio optare per un tavolino di piccole dimensioni, magari con più attenzione all'aspetto decorativo. Il tipo di tavolo andrà ad influenzare anche l'impegno necessario per la sua manutenzione: mentre la plastica può sopportare piuttosto agevolmente forti piogge o sole battente, un tavolo in legno andrà messo al riparo (sotto un gazebo o una tettoia) non appena questi fenomeni atmosferici si presentano con forza.

Ombrelloni e Gazebo

Anche per gli ombrelloni da giardino c'è l'imbarazzo della scelta riguardo alle dimensioni, materiale e forme. Per quanto concerne i materiali la scelta può ricadere su alluminio, ferro e legno. L'alluminio, oltre al presentarsi nella sua modernità, ha una resistenza agli agenti atmosferici piuttosto elevata ed una tendenza ad arrugginirsi di meno rispetto ai materiali in ferro. Per contro, l'ombrellone in legno richiede un investimento di partenza maggiore ed una minuziosa attenzione per la sua manutenzione (per evitare il rapido deterioramento negli anni), a fronte di un'eleganza forse impareggiabile. Da considerare anche la struttura . Nel corso degli anni la progettazione si è estesa dalla struttura con palo centrale a quella con palo laterale. Il vantaggio più visibile di quest'ultima risiede certamente nella semplicità di manovra dell'ombrellone stesso così da poter seguire il movimento del sole durante la giornata e nel poter godere interamente dell'ombra che ne viene prodotta.

Una valida alternativa può essere costituita dall'acquisto di un gazebo. Seppur condivida la stessa funzione primaria di un ombrellone (quella di offrire riparo dal sole), un gazebo può trasformarsi in una vera e propria oasi di relax totale dove pranzare, intrattenere ospiti o passare intere giornate. Solitamente venduti in comodi kit, sono anch'essi disponibili in alluminio, ferro o legno.